Alessandra sul perché il flop al botteghino 'Through Night and Day' è più visto su Netflix

Alessandra de Rossi (a sinistra) con Paolo Contis in Through Night and Day

Il film drammatico romantico Through Night and Day si è comportato male al botteghino quando è stato presentato in anteprima nel novembre 2018. Per dirla senza mezzi termini, Walang nanood—zero! ha scherzato la sua attrice protagonista, Alessandra de Rossi.



E devo ammettere che è rimasta delusa da come sono andate le cose allora.



Non abbiamo avuto abbastanza tempo per promuovere. C'erano molti problemi (niente a che fare con i nostri produttori). Mi sono sentito male perché sapevo che avevamo una bella storia; Mi sono persino rasato la testa. Ma non ci siamo riusciti, ha detto in un recente episodio del talk show online di GMA News Quarantined with Howie Severino.

Alessandra non si aspettava che il film avrebbe avuto una rinascita quasi due anni dopo, questa volta, sui media in streaming. Kylie Padilla si trasferisce in una nuova casa con i figli dopo la separazione con Aljur Abrenica Jaya dice addio a PH, vola negli Stati Uniti oggi per 'iniziare un nuovo viaggio' GUARDA: Gerald Anderson va in barca a vela con la famiglia di Julia Barretto a Subic



Lo scorso luglio, nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, il film, girato in Islanda e interpretato anche da Paolo Contis, è diventato il titolo n.1 più visto su Netflix. Ora può definirlo un successo.

Alla domanda sull'apprezzamento inaspettato e ritardato per il film, Alessandra ha ipotizzato che i tempi dell'uscita abbiano probabilmente giocato un ruolo importante.

angelica panganiban john lloyd cruz

Coloro che non hanno avuto il tempo di andare al cinema hanno il tempo [per guardare] ora. Forse era giusto pubblicarlo in un momento in cui tutti hanno bisogno di amore, intimità, comprensione... quando a tutti mancano gravemente i propri cari. Cose che ci sono mancate molto, ha detto.



Alessandra dovrebbe iniziare a lavorare su un progetto con Viva Entertainment a ottobre. Ma doveva essere onesta: se il coronavirus non mostra segni di rallentamento, o se i casi continuano ad aumentare da 1000 a 2000 al giorno, allora non correrà il rischio.

Hindi ko kakayanin, disse Alessandra. E non credo che i produttori ci costringeranno comunque… Dovremo solo aspettare che le cose, si spera, migliorino.

La possibilità di contrarre la malattia la terrorizza, ha ammesso; l'idea che lei contagiasse le persone intorno a lei, ancora di più. Ho paura di ammalarmi. Il mio sistema immunitario non è così forte... E se finisco per infettare gli altri? ha chiesto l'artista 34enne.

Il solo pensiero di essere in isolamento è già così triste, ha detto.

andiamo a mt nevoso. fuji

Alessandra de Rossi

Il solo pensiero di morire di COVID-19 è davvero spaventoso. Dirò: 'Può essere per un altro motivo? Il tipo che permetterà ancora ai miei cari di farmi visita o abbracciarmi.' Non voglio morire da solo, non è nei miei piani! disse lei, solo a metà per scherzo.

Inoltre, lavorare in questi tempi non sembra molto pratico dal punto di vista dei tempi, perché i protocolli richiedono a tutti coloro che sono coinvolti nella produzione di isolarsi per un totale di quattro settimane per una sessione di registrazione di blocco.

Quindi, quello che accadrà è che ti metti in quarantena per due settimane, poi scatti per alcuni giorni e poi di nuovo in quarantena per due settimane, ha spiegato. Questo è un mese della tua vita.

Alessandra sa che le bollette non smetteranno di arrivare e prima o poi dovrà lavorare. Ma per ora, la sua salute è la sua priorità. Lo tengo onesto con le persone che mi offrono progetti: ho bisogno di lavoro. Ma sento che la mia vita è più importante di qualunque cosa io possa guadagnare, ha detto.

Andando avanti, Alessandra vede l'industria dell'intrattenimento ripartire lentamente e ridimensionare le produzioni, mentre cerca di adattarsi all'incertezza della nostra situazione.

Forse meno stelle, meglio è; meno luoghi ci sono, meglio è, perché anche il tempo di ripresa è limitato. E non puoi avere cento persone presenti sul set. È quasi come vanno le cose nella scena indie, dove a volte ti ritrovi a portare i supporti della fotocamera. Cammini verso il luogo con i tuoi costumi al seguito, ha detto.

Forse può succedere. Ma ci sono ancora altre cose da capire. Non puoi toccarti. Come ci muoviamo? lei ha aggiunto. Sarà davvero, davvero difficile. INQ