John Goodman parla della collaborazione con George Clooney, i fratelli Coen

JOHN Goodman confessa di essere entusiasta di ricevere un bacio dall'icona folk Joan Baez. Ruben V. Nepalesi

LOS ANGELES—Lavorare con George (Clooney) è come lavorare per il tuo bambino di 5 anni preferito, ha detto John Goodman di essere diretto per la prima volta dall'attore-regista in The Monuments Men. Lui sa cosa vuole. È come giocare. È stato fantastico.



The Monuments Men, che è stato co-scritto da George sulla base di un libro che racconta come un gruppo di storici dell'arte e curatori di musei ha dato la caccia a opere d'arte rubate dai nazisti prima che Hitler le distruggesse, vede John con Matt Damon, Cate Blanchett, Bill Murray e Jean Dujardin. Anche George recita nel film.



È stato probabilmente il più divertente che abbia mai avuto fare un film a causa di George, Matt Damon e Bill Murray seduti, ha ammesso John, sorridenti e vestiti casualmente una recente mattina al The London Hotel di New York. L'attore si è tolto il blazer e si è rimboccato le maniche quando si è seduto. Stavamo semplicemente seduti a fare battute.

Carriera impegnata Kylie Padilla si trasferisce in una nuova casa con i figli dopo la separazione con Aljur Abrenica Jaya dice addio a PH, vola negli Stati Uniti oggi per 'iniziare un nuovo viaggio' GUARDA: Anne Curtis sgorga da Erwan Heussaff, la piccola Dahlia che fa colazione insieme



Era di buon umore, faceva battute in modo impassibile o le serviva con un sorriso. Complimentandosi per la sua intensa carriera, John ha detto: Finora, negli ultimi due anni, sembra che sia andata così. Posso rifiutare molto più di prima. Prendevo qualsiasi cosa per paura di non lavorare. Ma ci sono un sacco di brave persone là fuori. Quest'anno ho avuto modo di lavorare con George Clooney ed è stato fantastico.

John, come perenne favorito di Joel ed Ethan Coen, ha avuto modo di lavorare per la quinta volta con i fratelli sceneggiatori e registi di Inside Llewyn Davis. La sera prima di questa intervista, John ha ospitato un fantastico concerto presentato in connessione con il film, Another Day, Another Time: Celebrating the Music of 'Inside Llewyn Davis', al The Town Hall di Manhattan. Il concerto, che ha visto la partecipazione di una serie di artisti, tra cui Joan Baez, Elvis Costello e Patti Smith, ha probabilmente spiegato la sua voce rauca.

8 1/2 pollici di cazzo inch

Abbiamo chiesto quale fosse il momento clou del concerto per lui personalmente. Joan Baez mi ha baciato! esclamò mentre congiungeva le mani, comportandosi come un ragazzo deliziato con un enorme sorriso sul volto. È stato fantastico!



Solo ascoltando il talento che c'era lassù e, amico, tutti andavano così d'accordo nel backstage, ha sgorgato. Fondamentalmente tutta la mia serata è stata dedicata al tentativo di non imbattersi nelle persone o di cercare di togliersi di mezzo. Ma tutti questi giovani sono così talentuosi. Stanno andando all'acustica, andando alla musica root... andando a qualcosa che penso significhi di più. Stanno davvero imparando il loro mestiere. Non stanno usando Auto-Tune o macchine. È davvero rinfrescante guardare queste persone che hanno una tale passione per quello che fanno.

Nervoso

Ha ammesso di sentirsi nervoso sul palco. Pensavo che avrei fallito su larga scala. Stavo pensando, cosa ne tolgo se la gente inizia a lanciare cose? Forse avrei delle scarpe gratis.

Mentre John ha collaborato per la prima volta con i Coen a Raising Arizona, secondo quanto riferito hanno iniziato a scrivere sceneggiature con lui in mente con Barton Fink. John ha scherzato, da quello che ho sentito, avevano un'immagine nella loro mente di (John) Turturro e me seduti su un letto d'albergo in mutande. Probabilmente non è vero, ma è una bella storia.

Avrei dovuto interpretare il ruolo di Oscar, ha scherzato John, riferendosi al ruolo del protagonista, un musicista in difficoltà interpretato brillantemente da Oscar Isaac in Inside Llewyn Davis.

Cosa c'è nei Coen che tira fuori il meglio di lui? Scrivono molto bene, ha risposto con un'espressione impassibile mentre dichiarava l'ovvio. Sarò molto egoista ed egoista qui, ma ho sempre sentito una connessione speciale. potrei capirli. Con qualsiasi buona arte del genere, ti sentirai come se qualcuno ti stesse parlando direttamente.

Del film stesso, un'ode alle lotte di musicisti e artisti in generale (le canzoni sono suonate per intero, una delle delizie del film), John ha dichiarato: È un classico per me. Mi viene voglia di rivederlo perché la mia seconda visione ha sollevato molte domande che ho anche su me stesso.

John interpreta Roland Turner, un uomo misterioso. È un ruolo breve ma marcato. Perché indossava quelle scarpe? Ho raccontato l'intera faccenda della paura del successo, del rapporto con le persone. Non mi considero un artista ma nel mestiere della recitazione, se ti occupi delle arti, come ti relazioni con il resto del mondo?

Nato nel Missouri, John si è trasferito a New York con una valigia e dei soldi presi in prestito dal fratello. Ha avuto la sua parte di lotte. Ha fatto il provino per la stagione 1980-81 di Saturday Night Live, ma non ce l'ha fatta. Dai ruoli teatrali, è passato al cinema e alla televisione.

Vivevo nella costante paura del fallimento, di — Dio non voglia — [mancarsi] un pasto, e della povertà, ammise. Non sono sempre stato così grande. A volte facciamo le scelte sbagliate di fronte a quel tipo di necessità. Penso che il personaggio di Oscar, Llewyn, forse prospera un po' troppo. Ho avuto una lettura diversa vedendolo al (New York) Film Festival due sere fa rispetto alla prima volta che l'ho visto. Mi ha colpito molto di più: i termini del fallimento e del successo.

Uomo divertente

Quanto prima ha scoperto di essere divertente? Quando ero giovane, guardavo Ernie Kovacs con mio fratello, ha risposto. Era sempre bello ascoltare mio fratello ridere. Leggevo religiosamente una rivista chiamata MAD e più tardi National Lampoon. La risata mi fa sentire meglio di quasi tutto. Di sicuro ti fa passare molto. Ma amo ridere quasi più di ogni altra cosa. In tenera età, ero in grado di fare imitazioni e fare qualsiasi cosa. Penso che fosse solo un nudo bisogno di attenzione a scuola.

Non era un tipo ribelle. Avevo troppa paura di tutto per essere un ribelle. Volevo solo adattarsi più di ogni altra cosa quando ero un bambino.

Mentre ha descritto il suo personaggio di Roland Turner come meschino, John ha detto che lui stesso era una persona generosa. Ha ceduto, probabilmente sono solo un vecchio bastardo scorbutico. Sì, vuoi pensare a te stesso come San Francesco.

Di quali delle sue qualità può fare a meno, John, che ha 61 anni, ha detto, divento molto egoista con il mio tempo. Ho molta impazienza con le persone che vorrei non avere, ma questo è vedermi attraverso la professione che ho scelto che è attraverso un prisma molto brutto in questi giorni. Sì, come celebrità, non so come mi vedano le persone, quindi mi metto molto sulla difensiva.

Per quanto riguarda la sua opinione sulla televisione di oggi, la costar della serie di successo, Roseanne (che è andata avanti per sette anni e per la quale ha vinto un Golden Globe nel 1993), ha detto, non guardo più molto. Sono solo cose che non mi interessano. Non è che siano cattivi. Sono sicuro che sono ben realizzati. Non sono interessato alla scena degli appuntamenti giovanili... le persone che parlano di genitali, cosa che mi piace conservare per una conversazione privata. Ci sono un paio di spettacoli che guarderò.

tutta questa merda

Ma sì, stavo pensando quando dicevi che 'oggi, c'è una merda', sono sicuro che quando abbiamo fatto 'Roseanne', la gente diceva la stessa cosa dei nostri spettacoli. 'Oh, tutta questa merda che hanno addosso oggi: persone grasse che vivono in una roulotte' o qualcosa del genere.

La casa di John e di sua moglie Anna Beth è New Orleans, in Louisiana. Mia moglie è della Louisiana. Quando mi sono trasferito da Los Angeles, sapevo che sarei stato lontano [da] casa molto. Ha scelto di risiedere in Louisiana in modo che Anna Beth potesse essere vicino alla sua famiglia quando me ne sarei andato.

(Invia un'e-mail all'editorialista a [email protected] Seguilo su http://twitter.com/nepalesruben.)