L'Ombudsman fa cadere i rap contro i dirigenti della PhilHealth accusati di aver presentato denunce infondate

L'Ombudsman fa cadere i rap contro i dirigenti della PhilHealth accusati di aver presentato denunce infondate

L'ufficio del difensore civico. (Foto d'archivio di NINO JESUS ​​ORBETA / Philippine Daily Inquirer)

MANILA, Filippine — Le accuse di corruzione contro i funzionari della Philippine Health Insurance Corporation (PhilHealth) accusati di aver presentato diverse accuse infondate sono state respinte dall'Ufficio del difensore civico per mancanza di una causa probabile.



In una risoluzione pubblicata mercoledì, l'Ufficio dell'Ombudsman ha spiegato che la mossa dei funzionari della PhilHealth di presentare denunce contro i sette denuncianti del caso in esame rientra nei loro compiti e doveri e non dovrebbe essere considerata una forma di cospirazione tra gli intervistati.



Gli undici funzionari di PhilHealth che hanno dovuto affrontare denunce di corruzione e grave cattiva condotta includono l'ex amministratore delegato Roy Ferrer e quanto segue:

Presidente e CEO ad interim Celestina Ma. Jude Dela Serna
Vicepresidente esecutivo Ruben John Basa
Vicepresidente senior Dennis Mas
Vicepresidente Shirley Domingo
Vicepresidente senior Rodolfo del Rosario
Responsabile del programma sanitario supervisore Raul Dominic Badilla
Vicepresidente senior Israel Pargas
Consulente Legale Aziendale Angelito Grande
PhilHealth NCR Attorney IV Lawrence Mijares
Specialista di sistemi di audit, capo Leila Tuazon.



I denuncianti hanno affermato che i seguenti funzionari hanno cospirato per presentare denunce contro di loro, ma tali accuse, ha affermato il Mediatore, non sono sufficienti.

Nella presente denuncia, è pacifico che i convenuti abbiano compiuto atti che comportano le successive sospensioni preventive e riassegnazioni di alcuni o di tutti i ricorrenti. Tuttavia, non vi sono prove sufficienti del fatto che intendessero partecipare a qualsiasi cospirazione per causare ingiustizie ai denuncianti, ha affermato l'Ufficio nella risoluzione approvata dal difensore civico Samuel Martires.

Va sottolineato che gli atti palesi dei convenuti […] fanno parte delle loro rispettive funzioni sia nella loro qualità di funzionari di PhilHealth sia nelle risoluzioni del consiglio che li dirigono a svolgere tali compiti, ha aggiunto.



Senza provare la cospirazione, l'Ufficio ha sottolineato che le accuse contro i funzionari per presunto errore nei confronti dei denuncianti non potevano essere respinte. Manca, inoltre, anche l'elemento del trapianto laddove un'azione si suppone causi un pregiudizio indebito.

Reyes e gli altri funzionari della PhilHealth sono stati posti in sospensione preventiva, che inizialmente non è stato specificato per quale motivo, portando alcune persone a ipotizzare che si trattasse del pasticcio di corruzione in cui era coinvolto l'assicuratore statale.

Tuttavia, PhilHealth alla fine ha chiarito che era per le denunce presentate dai dipendenti di PhilHealth che hanno affrontato la corruzione e gravi denunce di cattiva condotta, quindi non legate al problema della corruzione.

LEGGERE: L'Ombudsman ordina una sospensione di sei mesi contro 13 funzionari della PhilHealth

LEGGERE: PhilHealth: sospensione preventiva di 13 dirigenti non collegati a indagini per corruzione