Agricoltura biologica in PH: nessun finanziamento, nessun piano

Una fattoria biologica di prova della tribù Dumagat a Koloka-koloy a Puray, Rizal. (Foto di Masipag)

MANILA, Filippine—Le Filippine hanno istituzionalizzato l'agricoltura biologica attraverso il Republic Act n. 10068, o l'Organic Agricultural Act del 2010.



La legge è stata recentemente modificata dalla Legge della Repubblica n. 11511 che ha introdotto queste disposizioni:



  • Campagna nazionale educativa e di sensibilizzazione sui vantaggi del consumo di prodotti biologici
  • Adozione del Sistema di Garanzia Partecipata (PGS) come comunità di processo di certificazione di gruppo, diverso dalla certificazione di parte terza dei prodotti biologici
  • Protezione delle risorse organiche dalla contaminazione da parte di organismi geneticamente modificati, inclusi raccolti, bestiame, pollame e prodotti marini marine
  • Accesso al marketing da parte dei produttori biologici per garantire prezzi decenti che assicurino che le iniziative biologiche siano redditizie e sostenibili

Sebbene queste misure siano molto apprezzate, esiste un divario critico tra la legge modificata e le sue norme e regolamenti di attuazione (IRR).

Non affrontano adeguatamente la questione fondamentale di come allontanare il 97-98% dei produttori, per lo più piccoli, dall'agricoltura chimica all'agricoltura naturale, biologica ed ecologica. Ayala Land cementa l'impronta nella fiorente Quezon City Quadrifoglio: la porta settentrionale di Metro Manila Perché i numeri delle vaccinazioni mi rendono più ottimista sul mercato azionario



Le leggi filippine e la Federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica (IFOAM) prevedono che la conversione biologica inizi quando un agricoltore smette di usare prodotti chimici e si conclude con la certificazione della sua fattoria come biologica al 100%, o senza sostanze chimiche, dopo un rigoroso processo.

L'IFOAM e gli standard biologici regionali asiatici (AROS) per la certificazione richiesta dal mercato richiedono circa tre anni di utilizzo zero di sostanze chimiche.

In breve, le Filippine hanno bisogno di un programma di agricoltura biologica che permetta e promuova una riduzione graduale e calibrata degli input chimici e passi progressivamente a un regime più robusto o completamente biologico.



Vuoto legale

Attualmente non esiste un programma e un finanziamento chiari per la transizione all'agricoltura biologica.

La transizione è necessaria perché se tutti gli agricoltori adottassero improvvisamente l'uso di prodotti chimici zero, i raccolti potrebbero scendere dal 50 al 60 percento.

Di conseguenza, l'approvvigionamento alimentare potrebbe essere a rischio a meno che il paese non importi da 5 a 6 milioni di tonnellate di riso ben lavorato che costerebbe P175 miliardi a P210 miliardi a P35 per chilogrammo di riso.

Un programma di agricoltura biologica efficace deve riconoscere le condizioni reali nel campo e sostenere un movimento per passare dalla produzione basata sulla chimica ai metodi di agricoltura biologica ed ecologica e alla catena del valore.

Attualmente c'è una graduale riduzione dell'uso di fertilizzanti chimici semplicemente perché distrugge il suolo. La fertilità del suolo è diminuita dal 40 al 50 percento a causa del continuo uso di sostanze chimiche. A questo livello, la materia organica nel suolo è solo dell'1,5-2 percento. Una transizione dalle sostanze chimiche richiederà un volume di materia organica del 3%.

Migliorare la salute del suolo utilizzando solo il riciclaggio della biomassa delle colture o delle erbe infestanti è lento. Per arrestare il calo della resa, dovrebbero essere applicate quantità voluminose di fertilizzanti organici compostati o vermi-compost, che non sono prontamente disponibili nei campi.

Anche la biomassa delle colture infestanti per il riciclaggio (la biomassa non dovrebbe essere bruciata) sarà ridotta perché insieme alla riduzione della resa economica va la resa non economica o la biomassa. Il fertilizzante chimico (NPK) può essere applicato, insieme a micronutrienti e compost o humus di produzione agricola, nell'ambito di un regime di fertilizzazione equilibrato.

Sottolineiamo il compost o l'humus prodotto dagli agricoltori, perché gli agricoltori che lo acquistano avranno bisogno di circa P7,000 per ettaro (PhP350/sacco da 50 chili x 20 sacchi). Anche questo è troppo costoso e inaccessibile!

Trasformare i rifiuti in risorse

Ciò richiederebbe al Dipartimento dell'Agricoltura (DA) e alle unità del governo locale (LGU) di fornire supporto tecnico e finanziario per consentire agli agricoltori di preparare il proprio compost, o humus.

Il sostegno può avvenire attraverso l'approvvigionamento di letame (pollame, suini, bovini) nella località o nelle città vicine. I comuni devono anche incoraggiare gli allevatori di pollame o suini a vendere il letame solo agli agricoltori delle loro città.

Gli LGU, secondo la legge Sagip Saka, possono raccogliere o acquistare questi letame a basso costo e convertirli in fertilizzante organico compostato gratuitamente o per la distribuzione agli agricoltori a pagamento.

Anche gli input organici, come semi e materiali di piantagione, devono essere forniti agli agricoltori per facilitare il processo di transizione. Per la sostenibilità, gli agricoltori devono essere formati per produrre e conservare i propri semi.

A partire dal 2022, i finanziamenti DA e LGU saranno significativamente influenzati dalla sentenza della Corte Suprema sui casi che hanno aumentato la quota LGU nelle tasse nazionali del 27%.

È imperativo che le LGU ora dedichino almeno il 10% del loro aumento dell'Internal Revenue Allotment (IRA) all'agricoltura e alla pesca, compresi i servizi di estensione devoluti, con almeno un quarto dell'IRA destinato all'agricoltura biologica.

Mentre gli input organici sono definiti o elencati nell'IRR di RA 11511, un'altra esigenza altrettanto importante è la fornitura di attrezzature di base, strumenti e piccoli macchinari adeguati. L'agricoltura biologica è ad alta intensità di manodopera.

Per alleggerire il lavoro agricolo, ogni villaggio deve avere un negozio di fonderia (con saldatrici, torcia ad acetilene, smerigliatrice, tagliatrice o trapano elettrico) in modo che gli agricoltori possano riparare, migliorare e persino fabbricare strumenti e attrezzature agricole come zappa, carriola, vanga, rastrello, bolo e carri da azionare con motori o trainati da animali da cortile.

Seconda fase

La seconda transizione comporta lo spostamento dei sistemi di agricoltura da monocoltura, o agricoltura intensiva o specializzata, a sistemi di agricoltura biodiversa o integrata.

L'agricoltura biologica è un'impresa diversificata. Si verifica una sinergia tra le attività dei componenti, poiché esistono relazioni complementari e supplementari tra le pratiche agricole e i componenti coinvolti: il letame del bestiame trasformato in compost, biomassa non commerciabile o in eccesso viene somministrata agli animali per risparmiare sulle spese dei mangimi.

Ci dovrebbero essere varie colture piantate come compagne o intercolture o come colture in sequenza e rotazione per affrontare l'abbondanza o la mancanza di nutrienti e parassiti.

Semi 'Bahay Kubo'’

Purtroppo, gli agricoltori hanno perso anche i semi di Bahay Kubo e la cultura tradizionale di coltivare ortaggi che promuovono la salute.

La DA e le LGU devono rilanciare la coltivazione di Bahay Kubo e agli agricoltori devono essere fornite sementi e materiali di semina.

Gli agricoltori dovrebbero avere almeno uno o due bovini o carabao per fornire energia agricola e servire come fonte di letame per il compostaggio. Abbiamo ottimizzato la produzione di fertilizzanti liquidi dal letame bovino amplificato dall'input dell'azienda agricola. Inoltre, deve essere progettato e finanziato un programma di sussidio o di sostegno al credito per facilitare queste azioni nella transizione all'agricoltura biologica.

Il terzo fattore cruciale è un investimento significativo in ricerca, sviluppo ed estensione sulle tecnologie di conversione organica, che affrontano i processi di transizione, le fasi e le procedure per facilitare la fase di conversione, ovvero zero sostanze chimiche.

La ricerca pura e adattativa sull'agricoltura biologica in transizione deve essere finanziata dal Bureau of Agriculture Research (BAR) di DA e dal Philippine Council for Agriculture, Aquatic and Natural Resources Research and Development (PCAARRD) del Department of Science and Technology (DOST) con la partecipazione proattiva di un numero crescente di scienziati dell'agricoltura biologica.

Durante l'intero periodo di transizione dall'agricoltura chimica all'agricoltura biologica certificata, le esigenze e le preoccupazioni sopra elencate devono essere affrontate scientificamente e programmate in modo proattivo e finanziate da DA, altre agenzie nazionali interessate e LGU.

Motivare gli agricoltori a passare all'agricoltura biologica richiede non solo una tecnologia basata sulla scienza e un supporto finanziario significativo, ma anche una campagna educativa e di sensibilizzazione tra i consumatori sui benefici per la salute e l'ecologia del consumo di prodotti biologici.

Attraverso un approccio guidato dalla domanda, i consumatori devono riprendere coscienza dei costi reali ma spesso nascosti dell'agricoltura chimica per la nostra salute e per l'ecosistema del pianeta.

Dieta della salute planetaria

Ciò richiede la dieta della salute planetaria (PHD), che consiste in alimenti sicuri, nutrienti, salutari e medicinali principalmente da verdure, frutta, erbe, legumi e insalate verdi. In breve, il dottorato è a base vegetale.

pia guanio and vic sotto

L'agricoltura biologica svolge un ruolo chiave nel PHD come dice il proverbio: lascia che il tuo cibo sia la tua medicina.

Il consumo di cibi carichi di pesticidi o tossici indebolisce il sistema immunitario e ci rende vulnerabili alle infezioni fungine, batteriche e virali, che è particolarmente rilevante ai tempi della pandemia di COVID-19. Inoltre, i pesticidi assunti a dosaggio non letale ci espongono ai radicali liberi che causano il cancro.

I consumatori svegli devono quindi essere tradotti in una domanda guidata dal consumo di cibo sano e sicuro che porterà a cambiamenti dal lato dell'offerta o a più agricoltori che coltivano e allevano animali in modo biologico o agro-ecologico.

Terza fase

Inoltre, dovrebbe esistere un partenariato diretto consumatore-agricoltore biologico attraverso collegamenti tra produttori e consumatori. Ciò garantirà un reddito oltre la soglia di povertà di P12.000 a P15.000 al mese per il sottosettore dell'azienda agricola familiare.

Secondo lo schema, gli utenti diretti del prodotto (ristoranti, hotel, ristoratori, trasformatori e altri consumatori istituzionali) acquisteranno i loro prodotti giornalieri e settimanali o il fabbisogno di materie prime da produttori biologici a un prezzo equo.

Pertanto, una vigorosa campagna nazionale deve mirare e includere istituzioni governative, educative, religiose e consumatrici di cibo.

Le agenzie e gli enti governativi, comprese le LGU, dovrebbero prendere in considerazione l'approvvigionamento diretto di prodotti biologici, come previsto dalla legislazione Sagip Saka, durante disastri o pandemie e per programmi di alimentazione per bambini, poveri, anziani e persone con disabilità.

Anche le grandi aziende, le organizzazioni religiose e della società civile e le piccole o medie imprese possono fornire ai propri dipendenti alimenti sani coltivati ​​biologicamente nei loro stabilimenti o come integrazione del reddito. Nel loro insieme, queste iniziative di potenziamento nutrizionale creeranno una maggiore domanda di alimenti coltivati ​​biologicamente.

Funzionari del governo locale raccolgono lattuga in un'azienda agricola biologica nella provincia di Maguindanao.

Qual è il prossimo?

Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito alla scarsa attuazione della RA 10068 e al suo impatto limitato sulla produttività e sul reddito degli agricoltori.

Inoltre, continuiamo a soffrire dei continui impatti negativi dell'agricoltura chimica sulla nostra nutrizione alimentare e sulla sicurezza sanitaria e la sua grave minaccia per l'ecologia e la resilienza climatica. È imperativo avere una trasformazione più rapida del sistema agricolo chimico dominante e la sua transizione verso un regime di agricoltura biologica.

Affinché ciò avvenga, è necessario eseguire questi passaggi:

  • Condurre un controllo delle prestazioni del programma di agricoltura biologica dal 2010 al 2020
  • Preparare una Road Map per l'agricoltura biologica dal 2022 al 2028 con l'obiettivo di trasformare almeno il 20% delle terre alimentate chimicamente in agricoltura biologica nelle aree di transizione
  • Porta il 5 percento di tutti i terreni agricoli a un livello completamente biologico
  • Dare priorità alla trasformazione dell'agricoltura chimica basata su un singolo prodotto in un sistema agricolo integrato, biologico ed ecologico basato sul territorio
  • Rianima e attiva il Movimento One Organic per servire come voce unita del settore dell'agricoltura biologica.
  • Stabilire un forte programma sull'agricoltura biologica in transizione con almeno P10 miliardi di finanziamenti che potrebbero essere aumentati man mano che le LGU ottengono quote fiscali nazionali maggiori.

Per raggiungere questi obiettivi, sarebbero necessarie voci di budget per:

  • P1 miliardo per 1.000 fonderie del valore di P1 milione ciascuna
  • P2 miliardi in budget ricorrente per la produzione di semi biologici e materiali di piantagione
  • P2 miliardi per materiali per fare compost e fertilizzanti organici
  • P2,5 miliardi per piccoli animali, polli o anatre autoctoni
  • P2,5 miliardi per bovini, carabaos
TSB

(Nota dell'editore: questo rapporto è stato selezionato dai documenti preparati dall'ex segretario all'agricoltura Leonardo Montemayor, dal dott. Teodoro M. Mendoza e da Pablito Villegas sull'agricoltura biologica. I documenti sono stati presentati come input nella discussione online della DA e della tavola rotonda guidata dal settore privato sull'agricoltura biologica lo scorso 30 aprile)