La vera storia della produzione di riso nel 2020

Alcuni sostengono che i critici della legge sulla tariffazione del riso (RTL) abbiano avuto un terribile errore nel prevedere un calo della superficie coltivata e della produzione a causa dei prezzi più bassi del palay a seguito della rimozione delle restrizioni sulle importazioni di riso.



il fattore x uk 2017

Indicano le ultime proiezioni della Philippine Statistics Authority (PSA) che collocano la produzione di palay nel 2020 al livello record di 19,44 milioni di tonnellate, in aumento del 3,3% rispetto al 2019 nonostante una serie di tifoni nell'ultima parte dell'anno.



In effetti, il Dipartimento dell'Agricoltura (DA) dovrebbe essere elogiato per un esito positivo nel 2020 nonostante le interruzioni causate dalla pandemia di COVID-19, terremoti, eruzioni vulcaniche e tifoni che hanno colpito il paese durante l'anno. Ayala Land cementa l'impronta nella fiorente Quezon City Quadrifoglio: la porta settentrionale di Metro Manila Perché i numeri delle vaccinazioni mi rendono più ottimista sul mercato azionario

Un'analisi più approfondita dei dati, tuttavia, implicherebbe che in realtà c'è poco da festeggiare e il futuro potrebbe non essere così roseo come alcuni fanno sembrare.



L'aumento della produzione nel 2020 non è stato sorprendente considerando che il 2019 è stato un anno di El Nino che ha portato la produzione di palay a 18,8 milioni di tonnellate, il più basso dal 2017. Rispetto al 2017, che è l'anno normale più recente prima dell'entrata in vigore della legge sulla tariffazione del riso a febbraio 2019, la performance del 2020 è stata solo dell'1% circa superiore. In altre parole, in pratica siamo appena tornati dove eravamo quattro anni fa.

Più bocche da sfamare

Nel frattempo, però, la popolazione è cresciuta di circa il 5% tra il 2017 e il 2020.

Chiaramente, la crescita del nostro fabbisogno di riso ha superato i guadagni nella produzione di palay, il che significa che il nostro livello di autosufficienza si è effettivamente deteriorato da quando RTL è entrato in vigore.



È interessante notare che le aree pluviali hanno superato le aree irrigate nel 2020 in termini di crescita non solo della produzione e dell'area raccolta, ma anche della resa. Ciò sembra essere controintuitivo, considerando che il sostegno di RTL e gli aumenti di produttività e competitività avrebbero dovuto concentrarsi sulle aree di produzione privilegiate, in particolare le aziende agricole irrigue.

La superficie totale raccolta nel 2020 è cresciuta dell'1,7% rispetto ai livelli del 2019. Ma rispetto al 2017, in realtà è diminuito del 2%. Nel frattempo, circa 80.000 ettari sono stati sottratti alla produzione di riso.

Ciò ha smentito le affermazioni secondo cui il previsto esodo degli agricoltori dalla produzione di riso era fuori luogo. In effetti, anche il Philippine Institute of Development Studies (PIDS) e l'International Food Policy Research Institute (IFPRI) avevano previsto in precedenza che un numero significativo di agricoltori non sarebbe stato in grado di competere con il riso importato e alla fine sarebbe stato costretto a lasciare la risicoltura .

È stato anche affermato che il calo dei prezzi delle pale è un fenomeno stagionale che si è verificato regolarmente negli anni precedenti. Sebbene ciò sia vero, i dati mostrano anche che i prezzi alla fattoria nel 2020 erano quasi il 10% inferiori rispetto a quelli del 2017, quando l'RTL non era ancora in vigore.

A loro volta, i prezzi al dettaglio sia per il riso ben lavorato che per quello a lavorazione regolare nel 2020 sono stati solo dell'1% circa inferiori rispetto a quelli del 2017, smentendo le affermazioni secondo cui i consumatori hanno guadagnato in modo significativo a causa di maggiori importazioni di riso.

casa di paul jake castillo a cebu
Rendimento più elevato ma obiettivi mancanti

Dal punto di vista della resa, i coltivatori di palay hanno guadagnato un aumento di 64 chilogrammi per ettaro raccolto nel 2020 rispetto al 2019. Ciò rappresenta un miglioramento della produttività inferiore all'1%. Questo è molto al di sotto degli obiettivi RTL per aumentare la produzione da 4 tonnellate a 6 tonnellate per ettaro, o del 50 percento, fornendo supporto per sementi, meccanizzazione, credito ed estensione.

Se assumiamo che i prezzi del palay siano stati in media P16 al chilo nel 2020, la resa incrementale avrebbe aumentato i redditi degli agricoltori di P1.029 per ettaro. A sua volta, il mancato guadagno degli agricoltori è stato in media di P12.000 per ettaro se si suppone che avrebbero potuto avvalersi del prezzo di sostegno della NFA di P19 per chilogrammo. Con questa discrepanza, è difficile credere all'affermazione secondo cui il sostegno della DA agli agricoltori avrebbe compensato le perdite degli agricoltori.

Nel complesso, gli agricoltori hanno prodotto 626.710 tonnellate in più nel 2020 rispetto al 2019. Con un valore medio di P16 per chilo, questa produzione incrementale ammonterebbe a circa P10 miliardi. Per ottenere questo risultato, il governo ha probabilmente speso circa 5 miliardi di sterline nell'ambito del Rice Competitiveness Enhance Fund (RCEF) più altri 8,5 miliardi di sterline nell'ambito del Programma di resilienza del riso. In altre parole, il governo ha speso P1,35 per produrre ogni P1 di pagamento aggiuntivo.

Questo non include ancora altri costi per il governo, come il trasferimento in contanti di 5.000 sterline per agricoltore che coltiva due ettari o meno, l'assicurazione gratuita del raccolto e le spese generali e operative di DA nell'attuazione dei suoi vari programmi.

Questo fa sorgere la domanda se gli scarsi fondi governativi vengano spesi saggiamente, o se gli agricoltori avrebbero potuto stare meglio se la DA avesse semplicemente dato loro i soldi del sostegno come sovvenzioni in denaro.

Allontanando gli agricoltori

In sintesi, mentre i guadagni riportati nella produzione di palay sono davvero uno sviluppo positivo, c'è ancora molto da fare per aiutare gli agricoltori colpiti dalle importazioni di riso a basso costo, garantendo che i consumatori guadagnino effettivamente da più importazioni e che le risorse del governo siano utilizzate con saggezza ed efficacia. Non vi è inoltre alcuna garanzia che il trend positivo della produzione continuerà in futuro se i prezzi continuassero a scendere a causa di importazioni eccessive. Gli agricoltori non sono stupidi. Ad un certo punto, ridurranno la loro produzione o abbandoneranno del tutto la coltivazione del riso se continuano a perdere denaro.

Inspiegabilmente, alcuni presumono che gli importatori ridurranno le loro importazioni se i livelli di autosufficienza locale migliorano. Non capiscono che gli uomini d'affari importeranno tanto riso quanto potrebbero finché possono fare soldi, indipendentemente dal fatto che la produzione locale si espanda o meno.

Non c'è niente di sbagliato nel dipingere scenari alternativi basati sulla propria percezione di ciò che potrebbe accadere. Ma alcuni sembrano credere che solo il loro punto di vista sia corretto e continuano a etichettare coloro che non sono d'accordo con loro come Cassandre moderne o profeti del giorno del giudizio.

Nella mitologia greca, Cassandra era la figlia del re di Troia che il dio Apollo cercò di corteggiare lasciandole in eredità il potere di predire il futuro. Tuttavia, Cassandra disprezzò Apollo e, con rabbia, il dio le lanciò una maledizione in modo che nessuno credesse alle sue previsioni. Per questo motivo, nessuno l'ha ascoltata quando ha previsto che i greci avrebbero invaso Troia e avrebbero usato un cavallo di legno di Troia per conquistare la città.

Alcuni farebbero bene a prestare attenzione alle Cassandre moderne, a meno che non siano cavalli di Troia che sono stati piantati in mezzo a noi per cullarci nel compiacimento mentre gli stranieri invadono e si impadroniscono dei nostri mercati nazionali.

( Nota dell'editore: Raul Montemayor è manager nazionale della Federazione dei Liberi Agricoltori )

Modificato da TSB