Marines americani indagati per aver condiviso foto di nudo di soldatesse

CAMP LEJEUNE, NC - 22 FEBBRAIO: Pvt. Tatiana Maldonado di Dallas, in Texas, si allena con marines maschi e femmine mentre impara le tecniche di pattugliamento al Marine Combat Training (MCT) il 22 febbraio 2013 a Camp Lejeune, North Carolina. Dal 1988 a tutti i marines maschi non arruolati nella fanteria è stato richiesto di completare 29 giorni di addestramento di base per le abilità di combattimento presso l'MCT dopo essersi diplomati al campo di addestramento. MCT è stato richiesto per tutte le donne Marine arruolate dal 1997. Circa il 6% dei Marines arruolati sono donne. Scott Olson/Getty Images/AFP

Un marine statunitense (al centro) si allena con soldati e donne mentre impara le tecniche di pattugliamento al Marine Combat Training (MCT) in questo 22 febbraio 2013, foto scattata a Camp Lejeune, nella Carolina del Nord. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha avviato un'indagine sui rapporti secondo cui alcuni marines hanno condiviso fotografie nude delle loro controparti femminili su una pagina segreta di un gruppo di Facebook. AFP

WASHINGTON, Stati Uniti - Il Dipartimento della Difesa sta indagando sui rapporti secondo cui alcuni marines hanno condiviso fotografie nude di marine, veterane e altre donne su una pagina Facebook segreta, alcune delle quali sono state scattate a loro insaputa.



Le fotografie sono state condivise su una pagina Facebook segreta, Marines United, a cui appartenevano Marines maschi in servizio attivo e in pensione, Navy Corpsman e British Royal Marines. Insieme a membri militari femminili identificati c'erano fotografie di donne non identificabili in varie fasi di svestizione e includevano commenti osceni su alcune delle donne, hanno detto i funzionari.



Il servizio investigativo criminale navale sta ora indagando. Le fotografie sono state rimosse, hanno detto i funzionari.

Il comandante del Corpo dei Marines, generale Robert B. Neller, domenica ha rifiutato di commentare direttamente le indagini in corso. Per chiunque prenda di mira uno dei nostri Marines, online o in altro modo, in modo inappropriato, è sgradevole e mostra una mancanza di rispetto, ha detto Neller in una nota.



Non è stato immediatamente noto quanti marines in servizio attivo e altri membri del servizio siano stati coinvolti o siano indagati. Un funzionario del Corpo dei Marines, parlando a condizione di anonimato perché non autorizzato a discutere di questioni relative al personale per nome, ha affermato che almeno un appaltatore del governo è stato rimosso dal suo lavoro dopo aver pubblicato un collegamento alle fotografie.

In risposta al rapporto, il sergente. Il Mag. Ronald L. Green, il miglior arruolato nel Corpo dei Marines, ha dichiarato: Questi comportamenti negativi sono assolutamente contrari a ciò che rappresentiamo.

L'indagine è stata segnalata per la prima volta dal Center for Investigative Reporting. L'attività è stata rivelata da The War Horse, un'organizzazione di notizie senza scopo di lucro gestita dal veterano dei Marine Thomas Brennan.



Siamo grati che Thomas Brennan, un veterano dei Marine, abbia informato il Corpo dei Marines e l'NCIS di ciò a cui ha assistito sulla pagina 'Marines United', ha detto il portavoce del Corpo dei Marines, il capitano Ryan E. Alvis. Ci ha permesso di agire immediatamente per rimuovere le foto esplicite e per prepararci a sostenere le potenziali vittime.

Il rapporto del CIR afferma che più di due dozzine di donne in servizio attivo, ufficiali e arruolate, sono state identificate in base al loro grado, nome completo e posizione nelle fotografie sulla pagina Facebook segreta. Altre fotografie di donne in servizio attivo e veterane sono state pubblicate e collegate tramite un link di Google Drive.

Gli account dei social media dietro la condivisione sono stati cancellati da Facebook e Google su richiesta del Corpo dei Marines.

Il Corpo dei Marines è profondamente preoccupato per le accuse riguardanti i commenti offensivi online e la condivisione di fotografie salaci in un sito web chiuso, ha detto Alvis. Questo comportamento distrugge il morale, erode la fiducia e degrada l'individuo. CBB