COSA È ANDATO PRIMA: 2016 Closeup Forever Summer Concert

Il concerto CloseUp Forever Summer è stato un festival musicale annuale molto atteso che ha portato nelle Filippine grandi artisti internazionali che hanno fatto esplodere la folla durante una notte di baldoria giovanile.

Durante l'edizione 2016 del concerto, cinque persone sono crollate a distanza di pochi minuti in diverse aree della sede.



Ore dopo essere stati portati in ospedale, sono morti di infarto e danni multiorgano presumibilmente a causa di un'overdose di droga.



Le autopsie e i test su quattro dei cinque decessi hanno mostrato tracce di droga nei loro corpi, come catinoni sintetici e omologo del metilene MDMA, una forma più economica ma più letale dell'ecstasy della droga del partito.

La polizia ha identificato le vittime come Ariel Leal, 22 anni; Lance Garcia, 36; Bianca Fontejon, 18 anni; Ken Migawa, 18 anni; e il cittadino americano Eric Anthony Miller, 33 anni.



Il concerto, tenutosi il 21 maggio di quell'anno presso l'SM Mall of Asia, presentava il meglio del meglio della musica electro dance.

Una settimana dopo, il 28 maggio, Joel Tovera, all'epoca capo della Divisione antidroga dell'NBI, annunciò l'arresto di Joshua Habalo, uno dei presunti fornitori dei farmaci venduti all'evento.

Il 31 maggio, cinque persone sono state arrestate nella città di Parañaque per presunta produzione e vendita di droghe illegali.



I sospetti: Marc David Deen, 28 anni; Martin Dimacali, 21; Tommy Halili, 28 anni; Sergente Villanueva, 30 anni; ed Erika Dianne Valbuena, 26 anni, erano presenti anche al concerto del 21 maggio.

L'NBI ha indagato se tutti loro vendessero droga al concerto a seguito di un'informazione di un politico, il cui nome è stato nascosto.

Secondo Tovera, il figlio del politico ha acquistato droga da Dimacali senza ottenere prima il nome di quest'ultimo, ma è riuscito a scattare una foto del presunto venditore ambulante durante la festa.

Il padre ha poi mostrato la foto all'NBI.

Un altro informatore ha detto al team di Tovera che un gruppo di yuppies produceva e spacciava droghe sintetiche e che alloggiavano in un'unità nelle eleganti residenze del resort urbano Azure a Parañaque City.

Il 1 giugno, Ryan Cruz Marquez, sospettato di aver venduto pillole di ecstasy a uno dei partecipanti al concerto, è stato arrestato a Caloocan City a seguito di una soffiata di una donna che era presente all'evento.

Presumibilmente ha venduto tre pillole di ecstasy per un valore di 4.500 sterline a un agente sotto copertura durante l'operazione congiunta della polizia di Pasay e Caloocan e della Philippine Drug Enforcement Agency.

Nello stesso mese, le famiglie delle vittime hanno presentato una denuncia all'NBI e hanno affermato che avrebbero intentato una causa collettiva contro tutti i responsabili della morte. FONTE DI RICERCA INQUIRER: ARCHIVI INQUIRER